TERAPIA NON INVASIVA NEL TRATTAMENTO DELL’ATROFIA VULVO-VAGINALE

Jan 23, 2020

Elisa Venditti
Cosmenews – Organo Ufficiale della SEMMC (Società Spagnola di Medicina e Chirurgia Estetica)
Volume ottobre/dicembre 2019 – pp. 17-26

ABSTRACT

L’atrofia vulvo-vaginale rappresenta una patologia sempre più diffusa grazie all’allungamento della vita media della donna, e determina atrofia delle piccole e grandi labbra, dispareunia, infiammazione, perdite urinarie e sanguigne. Abbiamo esaminato dieci pazienti in menopausa da almeno quattro anni, tutte gravate dalle alterazioni appena descritte e le abbiamo successivamente sottoposte ad un ciclo di 8 sedute della terapia FOEMINA di Biodermogenesi®, basata sull’erogazione di elettroporazione e campi elettromagnetici, osservando i benefici ottenuti alla prima, quarta, ottava seduta e dopo tre mesi dal termine del ciclo.
Gli esiti sono decisamente incoraggianti, con miglioramenti evidenti sin dalla prima seduta, consolidati sino ad arrivare alla totale remissione delle perdite, ad un incremento del 240% dell’umettazione vaginale, al regresso sostanziale dell’atrofia ed una significativa attenuazione della dispareunia (-97,62%) e dell’irritazione (-92,50%). Riteniamo che FOEMINA di Biodermogenesi® possa aprire nuovi orizzonti terapeutici, grazie anche all’assoluta mancanza di effetti collaterali e di down time.